Contenuto principale

Messaggio di avviso

1
Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn
Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn
1

La lezione sulle argomentazioni del prof. Francesco Orilia (Università degli Studi di Macerata) – tenutasi presso i Licei “Costanza Varano” di Camerino nell’ambito dei giovedì culturali il 16 novembre scorso – ha riscosso un buon successo di pubblico, grazie alla partecipazione di numerosi studenti e docenti. Il tema della lezione (“buoni argomenti: ragioniamoci su”) è stato approfondito da diversi punti di vista e, soprattutto, dal punto di vista logico e da quello etico. Orilia ha iniziato la lezione definendo le conoscenze come credenze vere e giustificate. Ammettere che esista la verità, pertanto, sembra essere una condizione necessaria per poter conoscere. Viceversa, se non si crede nella verità, la conoscenza diventa un’impresa volta al fallimento. In questo senso, Orilia si è confrontato brevemente anche con le tesi del cosiddetto “pensiero debole”, per il quale non è opportuno parlare di “verità” in senso assoluto. Credere nella verità non significa però assumere un atteggiamento intellettualmente arrogante. In effetti, la verità deve essere distinta dalla certezza, cioè dalla consapevolezza soggettiva di conoscere la verità.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Con la risoluzione n.54/134 del 17 dicembre 1999, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito il 25 novembre quale Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.
La giornata fonda la sua ragion d'essere sulla consapevolezza che la violenza contro le donne, oltre a rientrare a pieno titolo nella violazione dei diritti umani, è una forma di discriminazione dovuta a una persistente condizione di disuguaglianza tra uomini e donne.
Il MIUR è da anni impegnato affinché la parità sia uno degli obiettivi primari di una scuola inclusiva, al passo con le direttive europee ed internazionali ed in linea con le esigenze formative delle giovani generazioni al fine di creare una reale inclusione in grado di valorizzare le singole individualità educando le nuove generazioni alla cultura del rispetto.
In occasione di tale ricorrenza il 25 novembre dalle ore 10:00 sul sito del MIUR sarà possibile seguire lo streaming del convegno "Dialogo per contrastare la violenza sulle donne" che avrà luogo presso il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, alla presenza della Ministra Valeria Fedeli, con l'obiettivo di diffondere i servizi disponibili alle studentesse e agli studenti ed i molteplici esempi di buone pratiche attivate nel mondo della scuola e volte all'eliminazione della violenza contro le donne.

Diretta streaming Convegno "Dialogo per contrastare la violenza sulle donne"

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Giacobelli ChiaraVenerdì 17 novembre, presso l’aula magna, gli alunni del triennio del Liceo Scientifico hanno partecipato ad un incontro con la scrittrice Chiara Giacobelli (primo appuntamento tra quelli programmati nell’ambito del progetto “Incontro con l’autore”). La scrittrice-giornalista, di origini marchigiane, attualmente vive tra Firenze e Parigi. Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Comunicazione Multimediale e Giornalismo, ha ricevuto molti riconoscimenti a livello nazionale, ha lavorato presso la redazione del Corriere Adriatico e ha fatto parte dell’Ufficio Stampa del Senato della Repubblica, che volontariamente ha abbandonato per scelte professionali diverse.
Tra le varie pubblicazioni, da segnalare il grande successo, con più di 3000 copie vendute, di “101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita” del 2015, guida che illustra i modi più originali di vivere la nostra Regione, a cui ha fatto seguito, a completamento, “Forse tutti non sanno che nelle Marche”. 
Nel suo discorso agli allievi, in cui ha raccontato la sua carriera di giornalista e scrittrice, Chiara ha presentato il suo ultimo lavoro, il romanzo del 2016 “Un disastro chiamato amore”. Esordio brillante con un romanzo-commedia, che affronta sempre col sorriso sulle labbra gli aspetti comici e le situazioni più serie della vita, attraverso la protagonista Vivienne, a cui la scrittrice stessa ha dichiarato di assomigliare quanto a gaffe e ipocondria. In realtà la storia prende spunto dall’attrice di “Colazione da Tiffany”, Haudrey Hepburn e dalla sua famiglia, con le dovute distinzioni. 

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

PROTEZIONE CIVILE GRUPPO CINOFILO bis
Lunedì 20 Novembre scorso, l’Unità Cinofila della Protezione Civile di Sefro ha organizzato, all’interno del progetto Alternanza Scuola-Lavoro, una giornata in cui sono state proposte agli alunni delle classi quarte attività teoriche ed esercitazioni pratiche inerenti la ricerca di dispersi a seguito delle calamità naturali.

E' stata quindi presentata ai ragazzi una simulazione operativa con i cani da soccorso, dopo una lezione teorica sull’addestramento dei cuccioli, il rapporto cane-conduttore e la tecnica riguardante la capacità di rilevare le tracce sul territorio e l’organizzazione per il ritrovamento.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn