Contenuto principale

Messaggio di avviso

prelievo chimico

Sono iniziate le lezioni del progetto finanziato con il Fondo Sociale Europeo: “Competenze di base”. L’Istituto ha infatti partecipato con successo al relativo Avviso pubblico del MIUR, finalizzato all’innalzamento delle competenze di base degli studenti. Tali competenze, che riguardano la capacità di lettura, scrittura, calcolo nonché le conoscenze in campo linguistico, scientifico e tecnologico costituiscono la base per ulteriori studi e un bagaglio essenziale per il lavoro e l’integrazione sociale. Il motivo dell’intervento europeo sta proprio nella volontà di innalzare in maniera omogenea le competenze di base degli studenti, rappresentando questo un fattore essenziale per la crescita socio-economica di ogni Paese dell’Unione, consentendo di compensare svantaggi culturali, economici e sociali di contesto, garantendo il riequilibrio territoriale e la riduzione della dispersione scolastica.


Il progetto presentato dai Licei di Camerino ha privilegiato tre tipologie di intervento: la lingua straniera (l’inglese), la matematica e le scienze, mirando allo sviluppo di competenze in linea con le Indicazioni Nazionali per il curricolo del 2° ciclo. Il modulo di scienze, in particolare, ha riguardato lo studio di una molecola fondamentale dal punto di vista biologico: l’acqua. Il progetto, dopo una prima fase teorica svolta in aula, ha previsto una fase laboratoriale, con gli stessi studenti coinvolti nell’effettuazione di prelievi e campionamenti nei siti di indagine. La settimana scorsa il gruppo di lavoro, composto da una ventina di alunni delle classi seconde dei vari indirizzi liceali, ha effettuato un paio di esercitazioni nei corsi d’acqua che circondano Camerino, per indagare la salute delle acque dal punto di vista ecologico. I liceali hanno dunque effettuato una serie di prelievi prima presso il fiume Chienti, in località Pontelatrave, e poi presso il fiume Potenza, nel comune di Castelraimondo, per determinare le concentrazioni di fosfati, nitrati, nitriti, azoto ammoniacale e solfati e per studiare il BOD e il COD, nonché la copertura di macroinvertebrati, macrofite, microfite, coliformi fecali e streptococchi fecali, tipici bioindicatori ambientali. I ragazzi si dedicheranno successivamente alle analisi chimico-biologiche, già in parte effettuate presso il laboratorio di scienze del Liceo, appoggiandosi presso laboratori esterni specializzati, compresi quelli dell’Università di Camerino. Alla fine del percorso didattico gli studenti rielaboreranno i dati ottenuti e produrranno una relazione finale con relativo poster scientifico.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn