Contenuto principale

Messaggio di avviso

1 1

resilienza UNIMC











Il 17 novembre scorso, presso il Dipartimento di studi umanistici dell’Università di Macerata, si è svolto un convegno sulla Resilienza dal titolo “Percorrere l’orizzonte. Verso un’educazione alla resilienza”, a cui hanno partecipato varie scuole della Provincia, incluse nel cosiddetto “cratere”.

I Licei di Camerino sono intervenuti con una relazione dal titolo “La costanza dei Licei”, attraverso la presentazione di dati (stilati con dovizia dal Dirigente Scolastico), che hanno raccontato il disagio vissuto dopo il sisma del 26/30 ottobre 2016. Nella relazione, curata dalla prof.ssa Simonetta Mosciatti, sono state espresse al pubblico presente la costanza e la resilienza che il nostro Istituto e tutte le sue componenti hanno dovuto affrontare: dal preside al personale docente e non docente, dagli alunni ai genitori. I Licei della costanza!

Nella Giornata nazionale dedicata agli alberi parlare di educazione alla resilienza significa preparare le radici per un nuovo umanesimo; infatti, con la formazione di “tutori di resilienza” si possono costruire le reti di un sapere valido per il futuro. Come diceva la Montessori è facile distruggere, ma molto più difficile è costruire, però la scuola, con la sua offerta formativa, in sinergia con il territorio, è stata in grado, in un periodo così scosso e disorientato dall’evento sismico, di essere un solido punto di riferimento e di aggregazione, un sostegno e una tenace risposta sociale ed educativa.

Prof.ssa Simonetta Mosciatti

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

mattioliSabato 17 novembre abbiamo avuto il piacere di avere nella nostra scuola il giornalista de La Stampa dott. Alberto Mattioli, dal curriculum vitae notevolissimo. È dal 2011 il corrispondente da Parigi del quotidiano La Stampa, per il quale è stato anche redattore della Cultura e caposervizio agli spettacoli. In precedenza ha lavorato anche per i quotidiani Il Resto del Carlino e Il Giorno. Esperto d'opera, Mattioli ha collaborato e collabora tuttora con Classic Voice, Vanity Fair, Musica Arte e Dossier, L'Opera ed ha tenuto conferenze e scritto programmi di sala per la maggior parte dei teatri italiani. È autore di una biografia di Pavarotti, Big Luciano, e di tanti altri libri di successo. In partenza per un viaggio in Cina, Mattioli ha trovato il tempo per intrattenersi con i nostri allievi (le classi del triennio dei licei classico e scientifico) quasi per due ore, ai quali ha parlato del suo libro dedicato a Giuseppe Verdi, pubblicato dalla casa editrice Garzanti, dal titolo ironico "Meno grigi più Verdi".

I ragazzi hanno seguito con attenzione ed hanno rivolto all'autore numerose domande, alle quali Mattioli ha risposto con chiarezza ed incisività; la speranza è che l'incontro abbia inculcato nei ragazzi il prezioso seme della curiosità, che possa non solo avvicinarli alla musica, all’Opera in particolare, ma anche spingerli a leggere e a cogliere l'importante ruolo culturale che Verdi ha svolto nell'Ottocento italiano, non solo quello musicale, accanto ad intellettuali della portata di Manzoni e Leopardi. Il tutto è stato possibile grazie al Preside, agli insegnanti del progetto "Incontri con l'Autore" ed alla proficua collaborazione del dott. avv. Francesco Rapaccioni, direttore artistico dei Teatri di San Severino che ha condotto l’incontro.

prof.ssa Maria Pierandrei

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

prot socc3

Quando lo spirito di squadra e il soccorso uniscono le loro s e fanno una sinergia con la S veramente maiuscola. A Camerino presso IIS Costanza Varano, sede dei licei, oggi qui in questo fazzolettino delle Marche martoriate dal sisma non esistono orticelli, non esistono distinzioni di colore di divise, l'unico scopo, l'unico obiettivo comune è salvaguardare la loro gente, il loro territorio e gli abitanti e i visitatori del loro territorio.

Protezione Civile di Sefro e Soccorso Alpino della Stazione di Macerata utilizzano questa sinergia per informare i ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado che ne fanno richiesta e aderiscono al loro progetto perchè hanno compreso l'importanza di questi incontri. A loro volta questi volontari, sulla loro pelle, hanno compreso quanto l'emergenza può solo trarre beneficio dall'unione delle loro forze e della preparazione in continuo aggiornamento.

I volontari del Soccorso Alpino hanno partecipato alla formazione obbligatoria prevista dal loro statuto, nell'inverno tutti i volontari della Protezione Civile sono stati formati per il Blsd dall'Associazione Formiamoci di Fano ed hanno seguito un corso di cartografia e gps base con il Soccorso Alpino, inoltre hanno svolto esercitazioni congiunte anche con il gruppo Cinofilo. I ragazzi sono stati informati delle modalità di richiesta soccorso e delle varie possibilità di ricerca in caso di perdita orientamento, infortunio o malessere e conseguente salvataggio.

 prot socc2  prot socc5
Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

spettacolo tancrediIl giorno 19 ottobre alle ore 9,30 presso il teatro Feronia di San Severino le classi dei licei di Camerino, dei vari indirizzi classico,scientifico, scienze umane e linguistico, hanno assistito alla lezione -spettacolo messa in scena da Lucia Tancredi, Serena Abrami e Fabio Capponi: Una passione slava. 

La rappresentazione è stata ispirata alla biografia di Giulia Schucht intitolata : "La vita privata di Giulia Schucht" di Lucia Tancredi, opera che ha ricevuto notevoli premi ed importanti riconoscimenti letterari.

Gli studenti hanno ritenuto l'esperienza molto formativa e tornati nelle rispettive classi hanno commentato molto positivamente l'evento. Hanno dimostrato interesse sia per le parti raccontate dalla meravigliosa voce narrante di Lucia Tancredi, sia per la bellezza degli spaccati musicali eseguiti al pianoforte da Fabio Capponi, sia per le ballate russe interpretate magistralmente dalla cantante Serena Abrami.

Gli alunni e gli insegnanti che hanno partecipato all'evento ringraziano , la compagnia teatrale, il preside, il direttore artistico dei teatri di San Severino per la bella esperienza che è stata loro offerta.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

siro

Le classi seconde del Liceo Scientifico, Linguistico e delle Scienze Umane
giovedì 18
, alle ore 9.30,  parteciperanno alla conferenza
'SIRO e le orme mesozoiche scoperte sul Monte Conero'.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Sabato 13 ottobre 2018 ha preso il via, presso l’Aula Magna dei Licei di Camerino, il progetto “Incontro con l’autore” destinato agli studenti del triennio del Liceo Scientifico e Classico. Ad aprire la rassegna il graditissimo ritorno della scrittrice e professoressa Lucia Tancredi che ha presentato il suo romanzo “La vita privata di Giulia Schucht” (EV casa editrice): non solo una presentazione, ma una lezione su come, spesso, la storia “de Prencipi e Potentati” di manzoniana memoria condanni alcuni personaggi “scomodi” all’estinzione. Dal libro è stato tratto anche “Una passione slava”, spettacolo teatrale che vede la partecipazione, oltre che dell’autrice stessa, anche della cantante Serena Abrami e del pianista Fabio Capponi, al quale gli studenti del Liceo di Camerino assisteranno martedì 16 ottobre al teatro Feronia di San Severino Marche.

tancredi alunniLa scrittrice Lucia Tancredi insieme ad alcuni alunni dei Licei di Camerino

Dopo questo primo appuntamento la rassegna continuerà con altre prestigiose presenze, sempre all’Aula Magna dei Licei: il 17 novembre sarà la volta di Alberto Mattioli, giornalista del quotidiano “La Stampa” ed esperto d’opera lirica, che presenterà il suo “Meno grigi più Verdi. Come un genio ha spiegato l’Italia agli Italiani” (edizioni Garzanti). Arriverà a Camerino il 3 dicembre anche la premiata scrittrice Donatella Di Pietrantonio, che ha vinto il Premio Campiello nel 2017 con il romanzo “L’Arminuta” (edizioni Einaudi), ed infine gli studenti incontreranno il 26 gennaio l’avvocato cassazionista Francesco Gradozzi, che presenterà il suo romanzo “Il Penalista” (edizione Fanucci).

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Ecco una breve galleria di foto relative alla cerimonia di apertura dell'a.s. 2018/19, tenutasi in aula magna con le 'matricole' del nostro Istituto, alla presenza del Dirigente Scolastico prof. Francesco Rosati e del Sindaco di Camerino dott. Gianluca Pasqui.

 

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Un nuovo anno scolastico comincia.
Un inizio che coinvolge tutte le componenti del mondo della scuola. Un saluto, quindi, ai dirigenti, ai docenti e a tutto il personale, con l’augurio che in questo anno scolastico possano svolgere il loro lavoro con serenità e mettere a frutto e sviluppare tutta la loro professionalità, con la collaborazione protagonista delle famiglie degli studenti.
Un ringraziamento al personale degli uffici dell’amministrazione, che ancora una volta ha contribuito, con abnegazione, professionalità e senso di responsabilità, al regolare avvio di questo anno scolastico.
Ma il nostro pensiero in questo momento va soprattutto agli alunni e studenti, per i quali è particolarmente importante, oltre l’impegno nello studio, il processo di crescita, formazione ed evoluzione della persona. Ad essi vogliamo dire: non sfuggite il vostro tempo, siate abili a prendere il passo di questo mondo che corre veloce, non cercate facili rifugi, non siate “gregge che corre al latrare di cani”, non consumate la vita sprecando il tempo prezioso su schermi elettronici o “fumando un pezzo di canapa”, ma siate coraggiosi come sola la gioventù sa esserlo, guardando con occhi impassibili tutte le difficoltà che il futuro pone davanti. Ed allora vivete pienamente questa età , consapevoli che il paese è attorno a voi, cammina con voi, sapendo che il domani appartiene a voi.
Ancona, 14 settembre 2018

Il Direttore Generale
Marco Ugo Filisetti

bimbi

"Uomini e donne, insieme, abbiamo costruito

i muri di questa scuola perché la volevamo

diversa per i nostri bambini"

scritta sui muri di una scuola di Reggio Emilia
 

Nel condividere il bellissimo ed evocativo saluto di inizio anno scolastico del nostro Direttore Generale, il mio pensiero va a tutti coloro che lavorano nella scuola e per la scuola. Come spesso racconta la mia amica ed ex dirigente scolastica, Ebe Francioni, “ il lavoro di chi opera nella scuola assomiglia a quello di un giardiniere, egli ha le mani sempre impegnate ma il cuore vicino al grande mistero della vita che comprende sia la delicata fragilità di un fiore appena nato che la robustezza di una quercia secolare”. E’ un lavoro speciale il nostro, che dobbiamo sempre svolgere con senso del dovere e con onore seppure nella consapevolezza dei limiti dell’umanità di cui siamo parte e delle tante difficoltà che, a volte la realtà frappone alle tante aspirazioni che ci accompagnano. E’ un lavoro che ci indica il cammino verso qualcosa di grande, di molto grande, ma allo stesso tempo di impalpabile, quale l’anima delle future generazioni. Insieme costruiremo una scuola che sappia rispondere e corrispondere, per quanto possibile, alle attese di tutti voi, dei genitori, dei giovani, di quanti si aspettano l’ascolto, la comprensione e, qualche volta, impossibili soluzioni.

La Dirigente UST di MC
Carla Sagretti

Nell'allegato, il saluto del Presidente e dell'assessore alla Cultura delle Regione Marche.

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn
Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (saluto_presidente_regione.pdf)saluto_presidente_regione.pdf286 kB

Lunedì 17 settembre inizia un nuovo anno scolastico, carico di aspettative non solo per studenti, docenti e famiglie, ma anche per un’intera comunità che vive ogni volta questo momento come una genesi, con tanta voglia di rigenerarsi e di cercare stimoli nuovi.
L’impegno che ci aspetta è grande e va vissuto da ognuno con rigore e serietà, ma anche con passione e viva partecipazione; incontreremo sicuramente delle difficoltà, che dovremo però saper affrontare e superare insieme. La scuola si fa con il sostegno di tutte le sue componenti e fra queste dobbiamo includere gli enti locali, le università, le forze dell'ordine, i sindacati, le associazioni culturali, il mondo dell'informazione e dell'editoria, il volontariato, le società sportive, le aziende di trasporto, le aziende private in genere…
Innalzare il capitale umano di un intero territorio, in un momento così difficile, è l’ennesima sfida che ci attende. Solo con la partecipazione corale di tutti, la scuola sarà in grado di raggiungere le proprie finalità istituzionali e assolvere al suo ruolo principale, la formazione della persona, che consiste nel saper educare e istruire insieme.

Buon Anno Scolastico 2018/19 a tutti.

Il Dirigente Scolastico
Prof. Francesco Rosati

Condividi su FacebookCondividi su Google PlusCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn