Contenuto principale

Messaggio di avviso

Brighton 2019
Un’esperienza formativa e divertente all’estero ha coinvolto nel mese di marzo gli alunni dei Licei di Camerino. Le docenti di inglese Morresi Renata, Sampaolo Carla e Turchi Lucia hanno organizzato un soggiorno studi di 13 giorni a Brighton, sulla costa sud dell’Inghilterra, ed hanno accompagnato, insieme alle docenti Fiorini Cinzia e Massimiliani Roberta, le classi seconde e terze del liceo linguistico. Durante la permanenza i ragazzi hanno avuto modo di confrontarsi con una cultura di cui conoscevano solo la lingua, ospitati dalle accoglienti famiglie locali. Le loro mattine erano impegnate nel Loxdale English Centre, scuola per stranieri in cui frequentavano lezioni interattive, svolte completamente in lingua inglese. Nei pomeriggi si svolgevano attività organizzate dalla scuola, in seguito alle quali i ragazzi hanno visitato il centro dell’artistica città, l’orientaleggiante Royal Pavilion e il lungomare reso unico dall’intrattenimento sul Brighton Pier. I week-end erano dedicati alla scoperta della capitale inglese, di cui hanno visitato i principali monumenti e musei, apprezzando i celebri Madame Tussauds, British Museum, Oxford Street e Chinatown. L’esperienza è stata importante per rafforzare ed intensificare le conoscenze linguistiche necessarie per affrontare le future certificazioni. Inappuntabile, sotto ogni punta di vista, il comportamento degli alunni durante il soggiorno-studi.

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

BERLINO 2019In una stupenda Berlino, città multiculturale per eccellenza, si è svolto il soggiorno studi annuale in Germania del Liceo Linguistico “Varano” di Camerino. Gli alunni, accompagnati dalle docenti Maria Cristina Claudi e Solweig Mueller Emden, hanno partecipato ad un corso intensivo di tedesco presso il DID Deutsch-Institut di Berlino, eccellente scuola di lingua per stranieri, ed hanno soggiornato presso famiglie accoglienti e disponibili alla conversazione. La visita della città con tutte le sue contraddizioni e la sua storia è stato stimolante e molto formativo. Da Alexanderplatz a Potdamerplatz passando per il Checkpoint Charlie, l’Eastside Gallery ed il ghetto ebraico si riesce a capire la storia del ‘900 vedendo, leggendo e riflettendo. Si può vivere in libertà ed in pace in una realtà multiculturale senza bisogno di erigere muri. Il passato dovrebbe insegnare che anche il singolo può e deve dare il suo contributo per una convivenza senza pregiudizi.

Prof.ssa Maria Cristina Claudi

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

david firenze

Il 30 ottobre 2018 le classi quarte e quinte dei Licei Scienze Umane e Linguistico si sono recate a Firenze. Nonostante le condizioni meteorologiche non siano state favorevoli, visti i continui scrosci di pioggia, abbiamo avuto vari momenti di sole che ci hanno permesso di visitare la città.

Nel primo mattino, poco dopo l’arrivo, ci siamo recati a “Palazzo Pitti” dove, divisi in diversi gruppi, abbiamo potuto conoscere meglio la storia delle famiglie Pitti e Medici; la guida ci ha illustrato opere del periodo Barocco e rinascimentale: nelle varie stanze vi erano ornamenti d’oro sul soffitto, con affreschi che rispecchiavano completamente la cultura del XVI secolo.

Terminata la visita presso il museo, ci siamo diretti presso la “Galleria dell’Accademia”, nella quale abbiamo potuto ammirare il “David” in tutta la sua grandezza. Successivamente nella gipsoteca presente nell’edificio, dove si trovano le sculture fatte dagli allievi di Michelangelo, abbiamo appreso le metodologie secondo le quali si possono fare determinate opere in marmo.

Nel pomeriggio, ci siamo diretti verso la Cattedrale di Santa Maria del Fiore e la Chiesa di Santa Croce che, per motivi di tempo, abbiamo visto solo dall’esterno.

È stata una giornata apprezzata dagli alunni che, spesso, debbono studiare queste grandi opere unicamente sui libri senza poterne fare esperienza diretta.

Luana Paladini, V A Scienze Umane

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

roma

Quando non sai come coniugare lo sport con lo studio, basta fare come le classi 2° del liceo Linguistico e delle Scienze Umane che nel giorno 8 novembre si sono recate a Roma per una lezione di storia in situ, visitando con una coinvolgente guida il foro Romano, il colle Palatino ed il Colosseo. Dopo il pranzo al sacco, consumato in ammirazione dell’Anfiteatro Flavio, parte degli studenti si è cimentata nell’esperienza di guida turistica presentando le colonne traiana e antonina, il Pantheon, l’Ara Pacis ed il Mausoleo di Augusto ai propri compagni.

I ragazzi hanno avuto il tempo di lanciare una monetina nella magica fontana di Trevi e di fare una breve sosta nell’artistica piazza Navona, percorrendo 10 km come veri atleti scortati dal volo dei gabbiani. Grazie a questa uscita hanno potuto approfondire le loro conoscenze riguardanti il programma di storia che stanno affrontando.

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

Ecco alcuni scatti della 'Festa delle matricole' del Liceo Linguistico e delle Scienze Umane.

accoglienzals1

accoglienza2 2 accoglienza2 1  accoglienza2 5 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn

rossiniUna giornata d'interesse, cultura e divertimento per gli studenti delle classi prime dei licei delle Scienze Umane e Linguistico di Camerino. Lunedì 28 gennaio, gli studenti si sono recati a Pesaro per visitare il Museo Rossini e la “Mostra del pianoforte antico e del Suono”, in occasione del 150° anniversario della morte del grande compositore. All’arrivo sono stati accolti con grande piacere dal presidente dell’Associazione dei Musici, nonché gestore del museo e di molti dei pianoforti esposti, e dal maestro Claudio Veneri, docente al Conservatorio di Perugia, il quale ha mostrato i diversi strumenti, partendo dalla spinetta e arrivando al pianoforte a tavolo. Purtroppo, gli strumenti esposti al primo piano erano fuori uso e non potevano essere suonati, così è stato proposto l’ascolto di alcuni brani registrati dei più famosi compositori. Inoltre, per essere ricompensati dell’inconveniente, al piano superiore il bravissimo musicista Veneri ha eseguito il celebre brano "Per Elisa" di Beethoven (Bagatella in la minore, WoO 59), suonando solo per noi un pianoforte unico al mondo, abbellito con decorazioni in oro che solo in pochi hanno avuto l'opportunità di ascoltare. Siamo stati fortunati, forse è andata meglio così. Il maestro Veneri ci ha salutati suonando un ultimo brano e tutti siamo rimasti meravigliati della sua bravura e soprattutto dell’immensa passione che traspariva dal suono di ogni tasto.

Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su LinkedIn